sabato 17 maggio 2014

SPECIALE DELLA RUBRICA "MI RICORDO UN LIBRO" : LE DIECI LETTURE CHE IL MERCATINO VI SCONSIGLIA

Per la rubrica di oggi, dedicata ai romanzi che ho letto in passato, ho deciso di sviare dall’abitudine originale per parlarvi di alcune letture che mi sono rimaste in mente, ma non in maniera positiva.
L’altro giorno, sbirciando nella mia libreria, ho pensato ai libri più deludenti che ho letto in questi anni, così ho stilato una lista, contenente le dieci peggiori letture (dal 2012 al 2014) che sconsiglierei persino al mio peggior nemico (ce ne sarebbero di più, ma sono stata clemente e mi sono fermata a questi ^^)

IL CONFINE DEL PIACERE DI MAYA BANKS 



Essere amici, desiderarsi, amarsi. Spesso le tre cose sono legate come anelli di una catena, una catena di piacere. Kit, Mac e Ryder sono amici, ma condividono molto di più. Un'irresistibile attrazione, che rende ogni gesto carico di sottintesi, come una carezza gentile che nasconde promesse di passione. Può essere il momento giusto per Mac per dichiarare il proprio amore a Kit? E può l'amore avere confini? Anche Ryder deve fare i conti con i propri sentimenti. Non è sicuro di poter accettare un nuovo equilibrio tra loro tre. Ma quello che conta è ciò che Kit vuole e ciò di cui ha bisogno. Una storia che coinvolge personaggi complessi, che vivono la vita in modo anticonformista, mettendo al centro la felicità, qualunque cosa significhi.

Nella mia lunga esperienza di lettrice mi è capitato raramente di odiare un personaggio, ma con la protagonista di questo romanzo non sono proprio riuscita a frenarmi. Una donna frivola, egoista, superficiale e sciocca che nonostante tutto viene venerata da due uomini. Aggiungeteci trama inesistente e personaggi dalla personalità di un'alga e avrete il quadro generale della lettura.



IL FUOCO DELLA TENTAZIONE DI LORA LEIGH 

Sono entità perfette, dagli sguardi penetranti e infuocati, hanno missioni delicate da portare a termine, e la loro sensualità irrompe implacabile. Nelle loro vene scorre sangue animale, hanno i riflessi, la forza e la ferocia dei felini. Uomini e donne in balia delle menti di chi ha deciso di sperimentare sulla loro pelle. Esseri feriti e indomabili alla ricerca di un posto nel mondo, e di un'anima gemella che restituisca loro una ragione di esistere. Callan Lyons è frutto di un terribile esperimento genetico, ma ha deciso di ribellarsi, sottraendosi al controllo degli scienziati che lo hanno creato. Merinus Tyler è una reporter che vuole saperne di più sulle oscure trame del Consiglio della genetica, e per farlo dovrà avvicinarsi all'irresistibile Callan. Tradimenti, pericolo e sangue sono sulla loro strada, ed entrambi dovranno percorrerla con caute mosse, perché la salvezza è un obiettivo sfocato, labile come il confine fra il bene e il male.

Altro colossale buco nell'acqua, caratterizzato da rabbia feroce verso i protagonisti. Un urban fantasy che di tale non ha nulla, solo una valanga di sesso selvaggio, privo di qualsiasi sentimento.Un andamento lento e noioso, con personaggi sciocchi e volgari, mi ha impedito di terminare la lettura.

SWITCHED DI AMANDA HOCKING :
Wendy Everly ha diciassette anni, capelli sempre arruffati e un carattere insolitamente difficile. Vive con il fratello e la zia in una piccola, noiosa cittadina di provincia. La madre è ricoverata in una clinica psichiatrica, da quando ha tentato di uccidere la figlia il giorno del suo sesto compleanno. E stato allora che Wendy le ha sentito pronunciare per la prima volta un'accusa terribile: di avere in qualche modo preso, alla nascita, il posto del suo vero figlio. Adesso le giornate di Wendy trascorrono pigre, tra un liceo dove non s'impara nulla di davvero eccitante e una vita sociale e familiare prevedibile e monotona, quando va bene. Condizionare le azioni altrui con la forza del pensiero potrebbe essere un modo per scacciare la noia, ed è proprio quel che le capita e che non sa spiegare. Uno strano potere che viene da lontano ma di cui lei non può ricordare l'origine. A offrirle una conturbante risposta sarà Finn, un affascinante ragazzo da poco in città che si manifesta una notte alla finestra della sua stanza. È infatti lui che le rivelerà la sua vera identità di change-ling e le dischiuderà le porte di un mondo attraente e sconosciuto, duro e sconvolgente, dove la magia è di casa. Un mondo percorso da insidie cui Wendy scopre dolorosamente di appartenere, e dove le è riservato un destino più grande di quanto lei possa immaginare.

A differenza dei romanzi precedenti, non ho provato rabbia nei confronti dei protagonisti ne mi hanno infastidito, ma questa lettura mi ha profondamente deluso.Ambientazioni poco caratterizzate e un mondo magico per nulla valorizzato lo hanno reso completamente indifferente alla mia attenzione.

DAMNED DI CLAUDIA PALUMBO

"Le canzoni non ti tradiscono", dice Ligabue. Ma le persone sì. Cathy, occhi blu e una ciocca viola che fa capolino tra i capelli nerissimi, lo ha scoperto quando Mirko, il suo primo amore, l'ha irrimediabilmente ferita. È per questo che ha messo in valigia la sua chitarra e i suoi diciott'anni, e ha lasciato la città dov'è nata, Napoli, per raggiungere la madre in Germania. E cercare, laggiù, di rimettere insieme i pezzi sparsi del suo cuore. Ma Cathy non sa che a Madenburg, cupa cittadina tedesca, l'aspetta il destino. Un destino che comincia quando, a un concerto nella nuova scuola, su di lei si posano gli occhi indagatori di Tristan e Konstantin Von Schaden, voce e basso della band del momento, i Damned. Due gemelli che non si assomigliano, se non per un particolare: la straordinaria bellezza. E il potere quasi ipnotico che i loro sguardi, e la loro musica, esercitano su Cathy. Tristan e Konstantin entrano così nella sua vita, sconvolgendo ogni certezza: perché custodiscono un antico segreto, e la loro è una storia maledetta, e maledettamente affascinante. Quando Cathy, attratta da entrambi, capirà di amare davvero uno solo dei due, scoprirà però che non sempre l'amore basta. A volte, s'intromette il destino, e quello di Cathy - anche se lei ancora non lo sa - è di lottare contro il Male. E contro le creature dell'ombra come i fratelli Von Schaden. Una scelta che solo il cuore può compiere, un duplice amore che sfida il tempo, una lotta epica tra Bene e Male.

Un mix mal riuscito tra il  Diario del vampiro, Twilight e una band in stile Tokio Hotel. Protagonisti privi di spessore psicologico con una protagonista confusa che passa da un fratello all'altro come con un cambio di scarpe. Un finale a sorpresa che sembra più un timido tentativo di distinguersi che altro.

LO SPECCHIO DELLE FATE DI JENNA BLACK

Dana Hathaway non lo sa ancora, ma sta per cacciarsi davvero nei guai. Quando sua madre si presenta al saggio di fine anno ubriaca, la ragazza capisce di averne abbastanza: è giunto il momento di prendere un volo che dagli Stati Uniti la porterà fino alla lontana Inghilterra. È diretta verso la mitica città di Avalon, l'unico posto sulla terra in cui il mondo umano e quello delle fate entrano in contatto e dove vive il suo misterioso padre. Ad Avalon però, il viaggio comincia ad andare storto e Dana si trova invischiata in un gioco molto pericoloso: qualcuno sta cercando senza dubbio di farle del male. Ma soprattutto, sembra che tutti vogliano qualcosa da lei: sua zia Grace, Ethan, un affascinante ragazzo dotato di straordinari poteri, e Kimber, sua sorella. Ma cosa, esattamente? Persino suo padre pare intenzionato a tenerla all'oscuro di tutto quello che le sta accadendo... Intrappolata tra due mondi, coinvolta in oscure trame di potere, la ragazza non sa più di chi può fidarsi, ma ha capito bene che la sua vita non potrà più tornare quella di una volta.

Una delusione pazzesca. Avalon, il regno della fate, si riduce ad una città con caffetterie e negozi, completamente priva di originalità e magia. I personaggi ricalcano i classici clichè della narrativa young adult, le loro azioni sono poco coerenti e la parte romance fa acqua da tutte le parti. Secondo me, l’autrice era proprio a corto di fantasia e immaginazione, quando lo ha scritto.

ANITA FRIGGEVA D'AMORE DI MARTA CASARINI

"Creare un menu è come scrivere una storia d'amore." Così inizia l'educazione sentimentale e culinaria della piccola Anita, dotata del talento raro e sorprendente di riconoscere il gusto dei ricordi. Nonno Goluàs, fuggito anni prima dalla perfetta e insapore Bruges per approdare nella terra dei buongustai, ha un grande progetto per lei: insieme apriranno un ristorante in grado di riportare i clienti ai momenti perduti dell'infanzia, a quei pomeriggi trascorsi a giocare a nascondino dietro agli alberi, alle sbucciature e ai primi esami, alle corse al mare e alle gare con i sassi buttati di piatto a pelo d'acqua. Goluàs svela ad Anita i misteri e le alchimie segrete di mandorle e vaniglia, anice e caffè, insegnandole che dietro ogni cibo si nasconde un sentimento e che dentro ogni pentola cuoce una storia. E Anita - accompagnata dalle bizze di una nonna ex-clavicembalista prodigio, dalle note jazz dell'allampanato John e dalle manie della mamma, vegana integralista con la passione per i ficus - cresce, soffre, ama, ride, provando un passo dopo l'altro a realizzare il suo sogno... Una storia tenera e delicata, venata di umorismo, per raccontarci che, così come il pane ha bisogno di tempo per lievitare, anche i sogni richiedono costanza e pazienza. Perché, come dice nonno Goluàs, non esistono le cose difficili, ma solo quelle che credi di non saper fare.

Non è un pessimo romanzo, perché caratterizzato da una scrittura ottima, particolarmente evocativa e dettagliata. Dunque, qual è la pecca? Non ho trovato senso al romanzo. E’ un insieme di flashback che ricostruisce il rapporto di Anita con il nonno, una volta chiuso mi sono chiesta dove l’autrice volesse andare a parare.

IL LIBRO SEGRETO DELLE SIRENE DI P.C CAST 

La sera del suo venticinquesimo compleanno Christine Canady, Sergente della Forza Aerea statunitense, festeggia da sola, nel suo appartamento, con una bottiglia di champagne. Quanto desidererebbe un po' di magia nella sua vita! Completamente ubriaca, Christine inizia un selvaggio rituale, invocando l'intervento di una dea. Ma mai avrebbe pensato che la sua richiesta sarebbe stata esaudita. Durante una missione militare, il suo aereo precipita nell'oceano e Christine si risveglia negli abissi marini, nel corpo di Ondina, una leggendaria sirena. L'oceano però è un posto pericoloso, e la regina Gea decide di trasformarla in una fanciulla per permetterle di trovare riparo sulla terra. Ma è al mare che Ondina desidera tornare, e all'affascinante Dylan, creatura dell'oceano, che ormai le ha rubato il cuore.

Da P.C Cast mi sarei aspettata un capolavoro, mentre ne è uscito tutt’altro. Una trama lenta e pesante, caratterizzata da una storia d’amore che non mi ha coinvolto ne emozionato. Cestinato!

A CENA CON IL VAMPIRO DI ABIGAIL GIBBS

È un massacro quello a cui assiste Violet una notte nel cuore di Londra. Sei ragazzi pallidi e bellissimi uccidono in pochi minuti una trentina di uomini adulti, armati di bastoni d'argento, muovendosi con agilità incredibile e forza sovrumana. Quando viene presa in ostaggio da loro Violet scopre chi sono: vampiri. Anzi, la famiglia reale vampira -in guerra con quella umana guidata dallo spietato principe Kaspar. Violet ha davanti una sola scelta: farsi trasformare. Diventare una predatrice che si nutre di sangue umano, ma in grado di vivere per sempre. Violet però rifiuta, e solo il fatto di essere la figlia di un'alta personalità del governo inglese fa sì che non venga immediatamente uccisa. Rimarrà perciò prigioniera nel palazzo principesco e segreto dove vive la corte dei non morti, un mondo che si rivela al di là della sua più selvaggia immaginazione, dove avvengono feste sontuose, dove nulla è vietato e uno sbaglio può condurre alla morte. Ma è Kaspar il più grande pericolo, perché al di là della brutale violenza che è capace di esprimere, Violet vede in lui qualcosa di diverso, capace di scaldarle il cuore ed eccitarne i sensi, di attrarla come una fiamma attrae la falena. Ma come ci si può innamorare di un mostro?

Classico young adult sui vampiri preso dal mucchio che non aggiunge nulla di nuovo alla narrativa del genere.Personaggi banali e prevedibili, una storia d’amore scontata, caratterizzata dal classico triangolo, coronata da un protagonista maschile, brutale e arrogante.

HIGHLANDER. AMORI NEL TEMPO DI KAREN MARIE MONING 

Hawk è un predatore leggendario, invincibile sul campo di battaglia quanto nelle camere delle dame di tutto il Regno. Nessuna donna è in grado di ignorarne il fascino, ma mai nessuna è riuscita a scalfire il suo cuore... Finché un mago assetato di vendetta non trasporta Adrienne de Simone dalla Seattle del Ventesimo secolo alla Scozia medievale. Prigioniera di un secolo troppo distante da lei, con la sua intraprendenza e i suoi modi diretti, Adrienne diverrà la sfida più ardua che Hawk abbia mai affrontato. E quando i due vengono costretti a sposarsi, Adrienne si ripromette di tenerlo a debita distanza... Ma lui le ha sussurrato che presto non potrà fare a meno di pronunciare il suo nome nel buio della notte, e questa volta lei dovrà ricredersi, perché anche nel più duro dei predatori può celarsi la promessa di una felicità sconfinata. Per assaporarla insieme dovranno vincere le ultime resistenze che stringono i loro cuori.

Mi sono fermata a metà e non sono riuscita a proseguire, nemmeno sforzandomi. Storia lenta e monotona, priva di descrizioni e qualsiasi approfondimento storico.Classica storiella d’amore tra il “bellone” di turno e la donzella che sa tenergli testa (per modo di dire, visto che sbava fin dal primo momento) . Chiedere una storia d’amore che vada oltre gli addominali scolpiti è troppo?

APPRENDISTA SIRENA DI PIERETTA DAWN 

Leilah è un'orfana con un raro caso di amnesia, non ricorda nulla della sua infanzia e sta cercando il suo posto nel mondo. Non si aspetta certo di incontrare Nathair, un ragazzo difficile che lavora nel mercato nero dell'isola di Mondreside, facendo affari con loschi criminali per mantenere sua madre malata. E invece i due si conosceranno in circostanze incredibili: sono infatti stati selezionati per tornare al mondo magico da cui non sanno ancora di provenire. Lì dovranno studiare sodo per diventare Ambasciatori degli Interspecie, anello di congiunzione tra gli umani e il popolo delle Sirene. Ma niente è come sembra tra queste bizzarre creature acquatiche, e molto presto i due si ritroveranno al centro di una pericolosa avventura, in cui dovranno soccorrere la figlia del re delle Sirene, la principessa Aquanetta che è stata rapita dal famigerato Barry, e insieme a lei salvare dalla distruzione tutta Sirenilandia.

Altra delusione. La fantasia dell’autrice è limitata e scadente. Un intero mondo sommerso descritto a malapena. Personaggi poco caratterizzati che non entrano nel cuore e una trama che si legge a malapena, senza azione ne avventura. Insomma, una lettura senza arte ne parte.

Voi invece quali letture vorreste dimenticare?

9 commenti:

aquila reale ha detto...

Che fortuna! Non ho letto neanche uno dei libri che hai segnalato:)

Annalisa Lupo ha detto...

Concordo con la maggior parte delle tue scelte ^-^ Maya Banks e Lora Leigh proprio non mi piacciono .-.
Io vorrei tanto dimenticare NEMESIS. L'ORDINE DELL'APOCALISSE di Francesco Falconi e QUEL RAGAZZO DELLA PORTA ACCANTO di Josie Lloyd e Emlyn Rees.
Il primo non mi piace proprio come è stato scritto e il secondo non mi è piaciuta proprio la storia...

Rosa C. ha detto...

Concordo su Lora Leigh, ho letto solo il secondo delle stessa serie e l'ho abbandonato a neanche metà :/ un libro che non mi è piaciuto affatto è stato The vincent boy di Abbi Glines, trama insulsa e linguaggio volgare che non sono riuscita proprio a mandare giù >-<

Raf ha detto...

Ciao concordo pienamente con ciò che hai scritto...La Moning poi: una delusione totale. Grazie e ciao! :-)

cooksappe ha detto...

prendo nota... :o

Ilenia T.D. Lemon ha detto...

E mi segno in wl 'Switched', 'Damned', 'Lo specchio delle fate' e 'Il libro segreto delle sirene'. Sappi che ti odio per questo ahhaha

Anita Blake ha detto...

Grazie ragazze! Sono contenta che la mia idea per questo speciale vi sia piaciuta.
per Ilenia : Non è colpa mia! :):):)

CHIARA ROPOLO ha detto...

di quelli che ho letto di questa lista concordo, tranne che Switched che ho apprezzato (tutta la trilogia, soprattutto l'ultimo). Secondo me manca solo il principe vampiro a questa lista, magia nera è stato un incubo. E aggiungerei anche "Il confine dell'eternità" , come rovinarmi il primo libro!

Anita Blake ha detto...

Del principe vampiro non ho nemmeno cominciato la saga, il confine dell eternità lo devo ancora leggere,ma se mi dici che è così deludente lo escludo...