venerdì 18 settembre 2015

LA MIA OPINIONE SU : LADRI DI SOGNI.RAVEN BOYS DI MAGGIE STIEFVATER

Buonasera lettori! Questa sera ho preparato per voi la recensione di un romanzo che mi è piaciuto molto.
Ladri di sogni è il secondo capitolo della serie Raven Boys, una storia originale e accattivante.

Titolo: Ladri di sogni. Raven Boys

Autrice: Stiefvater Maggie
Prezzo: € 16,00
Dati: 2014, 519 pagine
Editore: Rizzoli  
Trama: La magica linea di prateria è stata risvegliata e la sua energia affiora. I ragazzi corvo, un gruppo di studenti della scintillante Aglionby Academy, sono sulle tracce del mitico re gallese Glendower, che dovrebbe essere nascosto nelle colline intorno alla scuola. Con loro c'è Blue, che vive in una famiglia di veggenti tutta al femminile. A lei è stato predetto più volte che quando bacerà il ragazzo di cui sarà davvero innamorata, questi morirà. Sulle prime sembra che il suo cuore batta per Adam, ma forse è Gansey quello che ama davvero... Intanto Ronan s'inoltra nei suoi sogni, da cui può uscire di tutto. Del resto è uno che ama sfidare il pericolo. Mentre il tormentato Adam, con un passato pesante alle spalle, s'inoltra sempre più in se stesso, cercando una sua strada nella vita. Nel frattempo c'è un individuo sinistro che è anche lui sulle tracce di Glendower. Un uomo pronto a tutto.
La mia opinione: Come nel volume precedente Maggie Stievfater non si smentisce e ci regala una storia intrigante e avvincente caratterizzata da uno stile unico e suggestivo.
In Ladri di sogni ritroviamo la compagnia dei ragazzi corvo : Adam, Gansey, Ronan e Noah accompagnati dalla quasi-veggente Blue.
Un gruppetto composto da personalità così diverse che il lettore può soltanto amarlo.
Gansey è la guida del gruppo, un ragazzo sensibile e intelligente, pacato e razionale, determinato a raggiungere il suo obbiettivo.
Adam invece è un’anima fragile temprata dalle violenze che ha subito dal padre.
Noah è un fantasma, ma con la sua tenera dolcezza e le sue parole, suscita affetto e tenerezza.
Infine, Ronan. Un ragazzo forgiato da rabbia e rancore, lunatico e indecifrabile che regala sorrisi molto raramente.
Quest’ultimo è il personaggio centrale della storia. Il suo potere di entrare nei sogni e “rubare” ciò che vede lo rende un bersaglio allettante per i nemici dei ragazzi corvo che lo ritengono una chiave importante nella ricerca di Glendower.
La caccia prosegue senza sosta anche se, con l’avanzare del tempo, diventa sempre più difficile. Le emozioni, a volte, hanno il sopravvento e la determinazione cala, ma il coraggio non li abbandona mai.
Ognuno di loro è guidato da una motivazione per trovare l’antico re gallese e chiedere i suoi benefici, un motivo che li rende forti anche di fronte agli ostacoli.
Questo libro è di un’originalità assoluta. Un fantasy atipico e particolare fondato sull’intramontabile amicizia che lega i personaggi.
Ognuno di loro è decritto alla perfezione con pregi e difetti che catturano inevitabilmente l’attenzione del lettore appassionandolo fortemente alle loro vicende.
Lo stile però è la chicca di questa storia. L’autrice utilizza un linguaggio suggestivo, ricco di metafore, più adatto ad una poesia che ad una storia, ma che lascia senza fiato.
Non vi nego che spesso mi ha lasciato confusa, tanto da dover rileggere alcune frasi, ma la bellezza è la cura di ogni parola ha avuto la meglio.
Di questo libro ho amato ogni lato, dalla parte fantasy a quella romantica, davvero accattivante.
Blue, la ragazza che accompagna i ragazzi corvo, si destreggia tra Adam e Gansey con la
consapevolezza che una maledizione le impedisce di baciare il suo vero amore.
Una lettura splendida che mi ha colpito profondamente e spero proprio di poter proseguire.

VALUTAZIONE FINALE: 4 FATINE

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

Buona lettura

Anita

2 commenti:

CHIARA ROPOLO ha detto...

ho letto il primo, ma all'inizio ho faticato, l'ho trovato un po' lento. Però Ronan è il mio preferito quindi credo che anche questo lo leggerò

Anita Blake ha detto...

A me sono piaciuti molto entrambi, solo che a volte lo stile dell autrice è difficile da interpretare, per questo sembra lento :-)