domenica 2 novembre 2014

ALICE BELL E' TORNATA PER VENDICARSI: SPECIALE ALICE IN ZOMBIELAND

Buona sera cari lettori! Oggi ho in serbo per voi una bella sorpresa dedicata a tutti coloro che amano la trilogia The White Rabbit Chronicles di Gena Showalter e la sua protagonista: Alice Bell!

"NON AVRÒ PACE FINCHÈ NON AVRÒ RISPEDITO NELLA TOMBA 

TUTTI I MORTI CHE CAMMINANO. PER SEMPRE.”
 ALICE BELL È TORNATA. 

L’avete amata, aspettata, desiderata. A grande richiesta torna il bestseller cult Alice in Zombieland in una veste speciale, pensata appositamente per chi, come voi, non vede l’ora di scoprire le atmosfere paranormal di una delle serie più amate di Gena Showalter. 
A partire dal 30 ottobre in esclusiva digitale eLit, il primo esplosivo capitolo della trilogia The White Rabbit Chronicles torna per lasciarvi senza fiato, con il suo mix esplosivo di horror, humor e romanticismo. Una sorpresa unica, pensata per rivivere le avventure di Alice Bell nella terra dei non-morti, in attesa del sospiratissimo Through the Zombie Glass, inedito, in uscita a dicembre, sempre in esclusiva only digital eLit. 


TIC TAC…TIC TAC… 
MANCA SEMPRE MENO. 
La notte del suo sedicesimo compleanno Alice ha perso la sua famiglia e gli affetti più cari. 
Quella notte ha scoperto che i mostri esistono veramente. 
Pensava di aver perso tutto, ma c’era ancora una cosa che gli zombie desideravano rubarle: 
llaa ssuuaa aanniimmaa. 
Through the Zombie Glass sta per arrivare… 
È un segreto. Ditelo a tutti. 






EXTRAS
Come sopravvivere all’Apocalisse degli Zombie 
Pochi e rapidi punti da evidenziare: studiare, pregare e combattere! 
Cos’altro? 
Innanzi tutto, unisciti ad un gruppo valido. Ogni guerriero ha bisogno di rinforzi, di qualcuno che gli guardi le spalle. E assicurati di essere fornito degli ingredienti giusti per il lignaggio. Se non sai che cosa acquistare... sono guai. E’ una ricetta top secret, perciò la lista di ciò che serve risulta piuttosto complessa. Quindi, potrebbe essere il momento perfetto per iniziare a studiare. Inoltre, anche le armi sono altrettanto importanti. Dovrai equipaggiarti di pugnali, balestre, lampade alogene, antidoto per la tossina zombie e... coraggio. Proprio così. Ciò che provi è essenziale. 
Gli zombie hanno un gusto particolare per certe emozioni. 
Nelle notti in cui vai a caccia, assicurati di eliminare tutti gli zombie che incontri. Altrimenti, inseguiranno il tuo odore. E questo è di certo il momento adatto per cominciare a pregare. Rammenta che gli zombie non provano alcuna emozione o dolore e ti considerano il loro spuntino di mezzanotte. 
Combatti con tutte le tue forze, fidati del tuo istinto e non arrenderti mai. 
Se farai tutto ciò, avrai il bagaglio necessario per portare a casa diverse teste di Zombie. 

ALICE SCRIVE A COLE HOLLAND

Caro Cole, 
oggi ti ho visto per la prima volta. Ci siamo guardati, ma non ci siamo detti nemmeno una parola. Tuttavia, ho così tante cose da dirti! Ciò che è accaduto tra noi, nel momento in cui i nostri sguardi si sono incrociati, mi ha sbalordito, confuso e... anche un po’ spaventato. Non è stato normale. Almeno, non per me. 
Ti è mai capitata una cosa del genere? Be’, aspetta, forse a te non è successo niente oggi. Magari è accaduto a me sola. 
Sola. Già. È la parola giusta per descrivere la mia vita in questo momento. 
So che non comprendi di cosa stia parlando. Non hai avuto la visione di noi due... 
No, non ti dirò che cosa stavamo facendo. Ho visualizzato un evento che non era ancora accaduto ma che desidero si avveri. Lo voglio così tanto che ne percepisco già il sapore. 
Mi domando se anche tu proveresti lo stesso e mi piacerebbe sapere cosa hai pensato quando mi hai visto e se sei ossessionato da me, come io lo sono da te. 
Chissà se avrò un’altra visione... chissà... 
Suppongo che lo scoprirò domattina. Già, perché ho intenzione di scovarti a scuola. Non temere... almeno, non troppo. Quando una ragazza si mette in testa qualcosa, non c’è nulla che la possa fermare. Ora credo che distruggerò questa lettera. Non voglio che tu la trovi. Anche se so bene che non andrai a rovistare nella mia spazzatura o cose del genere. 
Mio Dio, sto saltando di palo in frasca. È meglio che la smetta. 
A domani. 
Alice Bell 

INTERVISTA A COLE

Non capita tutti i giorni di incontrare un eroe in carne ed ossa, un ragazzo che ogni notte rischia la vita per difendere i suoi simili. Considerato che frequenta ancora le superiori ed è a capo di una squadra di cacciatori di zombie, il fascino di Cole Holland è davvero fuori dal normale no? È quindi con immenso piacere che accolgo la notizia di poter intervistare questo gran pezzo di maschio Alfa, addirittura a casa sua, meglio conosciuta come centro d’addestramento per la lotta agli zombie. 
Mi è stato consigliato di fare in modo di trovarmi fuori dalla città e dentro l’area protetta prima del tramonto, così decido di recarmi lì il sabato mattina , per chiacchierare con calma con Cole e dare un’occhiata da vicino alla sua squadra. 
Appena imboccato il viale per l’isolata casa colonica, mi salta all’occhio la figura di un ragazzo alto, biondo e muscoloso che, con un sorriso malizioso, mi fa cenno di avvicinarmi . (Ma che si bevono questi per essere tutti così? Sarà l’acqua? L’aria?). 
Afferrati cellulare e portatile, mi precipito a conoscere colui che, dall’aspetto, identifico essere Frosty. 
«Le cose stanno così, signora » mi dice. «Rimanere sola con Cole potrebbe costarle la vita. Le ragazze sono molto vendicative e lei sta per trascorrere del tempo con quello che considerano... una loro proprietà.» Le ultime parole sono pronunciate con particolare enfasi. «Credo che lei voglia sopravvivere. E allora dovrà fare la sua intervista qui fuori.» 
«Si, non mi dispiacerebbe tornare a casa tutta intera, grazie.» 
«Perfetto. Non si muova. Vado a chiamare Cole.» Sorride. «Liberissima di osservarmi mentre mi allontano. Dicono sia un gran bel vedere.» 
(In effetti...) Ritorna qualche minuto più tardi con un altro ragazzo, moro e con gli occhi color ametista, persino più alto e più muscoloso di lui. 
«Cole, questa è la giornalista. Signora, questo è Cole. Ora, se volete scusarmi, vado ad allenarmi.» 
«Aspetta. Ho una domanda anche per te, Frosty, riguardo Kat. Ti ha perdonato completamente o ti sta dando ancora del filo da torcere?» 
«Kat non può fare a meno di me. Mi perdonerà sempre... non può fare diversamente.» Poi volta le spalle e se ne va. 
Cole sbuffa. 
Cole Holland. Wow... un figo da non credere. Giovane, palestrato e dall’aspetto pericoloso, possiede una sicurezza e un carisma che lo rendono terribilmente sexy. Magnetismo allo stato puro...Dai polsi, ai bicipiti gonfi (ok sto sbavando! Capisco solo ora come si deve essere sentita Ali...) fino al torace, dove spiccano – quale verbo migliore –una serie di minacciosi tatuaggi, in memoria degli amici perduti nella lotta agli zombie. Dalla canotta si intravvedono anche alcune cicatrici… 
«Quanti tatuaggi hai?» 
Mi fulmina con lo sguardo. Domanda troppo personale? 
«Molti più di quelli che vede. Lasciamo perdere...» 
«Scusa, non volevo essere invadente.» Gli sorrido. Uno di quei sorrisi ebeti da adolescente. Ma è troppo carino, non posso farci niente. «Grazie per avermi ricevuta qui oggi. Voi ragazzi vi allenate molto.» 
«Più ci esercitiamo, più zombie riusciamo ad eliminare. Più mostri abbattiamo, più la possibilità di sopravvivere aumenta. E, mi creda, desidero rimanere in vita il più a lungo possibile.» 
«Quanti anni avevi quando iniziasti l’addestramento per combattere gli zombie? Fu tuo padre a prepararti? Quali furono le prime nozioni che imparasti?» 
«Mi esercito da quando sono nato con il supporto di mio padre. Ma non mi va di diffondere questioni troppo private. » 
«Capisco. So che sei il capo del tuo gruppo fin dalle scuole elementari. E’ una bella responsabilità per un ragazzino. Come hai fatto a diventare il leader della banda? Sei stato nominato o scelto per tacito accordo?» 
«Nessuno nomina nessuno qui. Guadagni il tuo posto col sangue e col sudore. E niente lacrime.» 
Inizio a sentirmi un po’ a disagio e decido che è il momento di cambiare argomento. Vediamo se riesco a far abbassare la guardia a Cole Holland. 
«La signorina Showalter ha ammesso di essersi presa una terribile cotta per te e di sicuro non è la sola donna che vorrebbe conoscerti meglio. Per le tue fan di ogni età, ti dispiace se ti pongo alcune domande personali?» 
«In effetti, sì, mi dispiace.» 
«Boxer o slip?» 
«Ha conosciuto Bronx? Glielo presento. Ehi, Bronx?» 
«Confessa, che differenza c’è fra un bacio normale e uno di quelli che ti sconvolgono la vita e ti fanno dimenticare il resto del mondo?» 
«Che qualcuno mandi qui Bronx!» 
«Se tu potessi tornare indietro e cambiare qualcosa? Cosa faresti?» 
«Sul serio! Mandate qui Bronx o stasera farete tutti il doppio turno!» 
«Okay, basta con l’inquisizione. So che devi tornare al tuo allenamento perciò chiuderò qui. Prima di andare... cosa c’è nel futuro tuo e della squadra?» 
«Ecco che arriva! I suoi ragazzi si divertiranno. Ci vediamo.» 
Mi trattengo ma dentro di me vorrei gridargli vigliacco!. Tuttavia, di Cole Holland si può dire tutto eccetto che sia un codardo e... preferirei rimanere tutta intera. Be’, immagino che sia ora che mi tolga di torno prima che faccia buio e i cattivi escano a giocare. 

ALICE INTERVISTA COLE

Alice Bell, eroina di Alice in Zombieland, intervista il ragazzaccio della Asher High School Cole Holland… Cosa ne uscirà? 
Alice: Allora... pare che tutti siano terrorizzati da te. Come ti fa sentire? 
Cole: Be’, significa che ho fatto un bel lavoro. 
Alice: Suona un po’ triste. 
Cole: E’ perfetto. 
Alice: (alza gli occhi al cielo) Che tipo che sei! 
Cole: Grazie. 
Alice: E devi anche essere un gran rompiscatole. 
Cole: Dovresti vedermi in azione. 
Alice: L’unica cosa che capisco è che questa conversazione non ci porterà da nessuna parte. Cambiamo argomento. Che cosa hai pensato la prima volta che mi hai visto? 
Cole: Sappiamo benissimo entrambi cosa mi è passato per la mente, visto che pensavamo la stessa cosa. 
Alice: Sì, ma vorrei sentirtelo dire. 
Cole: Scordatelo. 
Alice: Per quale motivo? Perché tutti scopriranno che hai un debole per... 
Cole: Perché non ribaltiamo i ruoli e lasci che sia io a porti delle domande? Una volta mi hai confessato che ti piacevo senza camicia... 
Alice: Io... no! L’ho solo pensato! Cavoli, non posso credere di averlo appena ammesso! 
Cole: (sorride) Quindi la mia domanda è... me la tolgo di nuovo? Qui, adesso? 
Alice: Non vorrai davvero farlo, davanti a tutti? 
Cole: Forse ti sei dimenticata cos’è accaduto quella volta che eravamo... 
Alice: Ah, me ne vado! 
Cole: Perché? Che cosa ho detto? 
Come si fa a non adorare Cole? Lui e Alice sono perfetti l’uno per l’altro. Voi, cosa ne pensate? 




2 commenti:

CHIARA ROPOLO ha detto...

ahahah che carine le interviste! Sono proprio proprio proprio felice che lo ristampino e che esca il secondo, ormai cominciavo a perdere le speranze e mi dispiaceva, ho ADORATO Alice in zombieland

Anita Blake ha detto...

Ahahah è vero sono divertenti! Io ho letto il primo,ma non mi aveva colpito molto. Purtroppo l ho letto in un periodo strano in cui avevo letto un sacco di Young adult ed ero un pò stanca del genere. Questi estratti mi hanno fatto venire voglia di riprenderlo...