domenica 24 gennaio 2016

LA MIA OPINIONE SU : I LOVE NEW YORK DI LINDSEY KELK

Buonasera lettori! Sfortunatamente chiudo la settimana con una recensione negativa dedicata ad un romanzo che proprio non mi è piaciuto.
L'ho letto velocemente, perchè lo stile è piuttosto leggero, ma non ho apprezzato molto la protagonista.
Continuate a leggere, per saperne di più.

Titolo: I love New York
Autrice : Kelk Lindsey
Prezzo:  € 9,90 
Dati : 2013, 350 pagine
Editore : Newton Compton  (collana Anagramma)
Trama : È ufficiale: Angela Clark è innamorata… di New York! Di certo, quando ha lasciato la piovosa Inghilterra dopo una brutta delusione d’amore, non si aspettava che la sua vita sarebbe cambiata così tanto in così poco tempo. E invece la ragazza disperata che poco più di una settimana prima era salita sull’aereo in lacrime, portando con sé solo un paio di splendide Louboutin e il passaporto, adesso è una donna nuova, pronta a godersi tutte le meraviglie della città più favolosa del mondo. Dopo un accurato restyling da parte della sua nuova amica Jenny e un elettrizzante tour della città, eccola già alle prese con ben due uomini a dir poco sexy: Tyler, un affascinante e galante uomo d’affari, e Alex, il leader bello e dannato di un gruppo musicale. Non solo: Angela adesso ha anche un suo blog, dove può confidare alle appassionate lettrici le sue avventure sentimentali ed erotiche tra un concerto, una cena a lume di candela e un regalo da Tiffany. Ma le delusioni sono in agguato… Angela sarà capace di destreggiarsi nella sua nuova vita senza restare di nuovo ferita? E la Grande Mela riuscirà davvero a conquistare il suo cuore?
La mia opinione: Ho desiderato tanto leggere questo libro, perché la trama mi sembrava frizzante e dinamica peccato però che sia stato solo una delusione.
Angela è una ventiseienne londinese che al matrimonio della sua migliore amica sorprende il suo fidanzato fare sesso con un’altra.
E non è tutto. Scopre anche che la sua migliore amica ne era a conoscenza e per non impicciarsi le ha tenuto nascosta la verità.
Sconvolta Angela scappa a New York per iniziare una nuova vita. La fortuna è dalla sua e dopo appena una settimana nella Grande Mela trova una migliore amica, il lavoro che desiderava e due ragazzi super sexy che la fanno sentire una vera donna.
Abbiate pazienza, ma tutto ciò mi è sembrato estremamente irreale. Quasi una favoletta da quattro soldi.
A partire dal suo arrivo a New York ad Angela non va nulla storto. Dopo un’ora che ha messo piede in hotel ( splendido e lussuoso) la receptionist entra in camera sua spettegolando e saltando sul letto nel tentativo di tirarla su di morale ( E’ normale che in un hotel di lusso succeda questo?????)
E da qui in poi le accadono solo cose stupende e meravigliose. Per carità, sono contenta per lei, ma il tutto mi è sembrato finto e costruito.
Personalmente preferisco le protagoniste in stile “Bridget Jones” un po’ sfortunate, ma divertenti e naturali.
Angela non mi è piaciuta molto. L’ho trovata una ragazza superficiale e un po’ frivola. Una personalità che rispecchia pienamente l’intera storia.
Per farvi un esempio cito testualmente :
In mancanza di meglio da fare, mi buttai sotto la doccia, asciugai i capelli con il phon e infilai un bel miniabito a strisce di Ella Moss, il tutto entro le cinque e mezza, in modo da avere un’ora e mezza abbondante per truccarmi, ritruccarmi, aggiungere altro trucco e poi farmela letteralmente addosso al pensiero di uscire con il membro di una band.
Una ragazza impegnata, non trovate? (risata sarcastica)
Ho odiato ancora di più le sue amiche che non fanno altro che definirla un’eroina perché ha mollato il suo ragazzo ed è scappata a New York.
Cosa ha fatto di così straordinario proprio non lo capisco. Si è fatta una bella vacanza in uno degli hotel più lussuosi della Grande Mela, ha passato le giornate spendendo centinaia di dollari in scarpe e vestiti, ubriacandosi e flirtando con un paio di ragazzi (belli e ricchi ovviamente) non mi pare proprio il caso di osannarla come se avesse scalato l’Everest senza ossigeno!
Lo stile narrativo dell’autrice, oltretutto, è monotono e ripetitivo. Ogni volta che Angela si cambia, anche solo un paio di calzini, vengono citate minuziosamente  le firme che indossa (nemmeno fosse un romanzo testimonial di qualche marca d’abbigliamento) per non parlare delle centinaia (o migliaia) di volte in cui si parla della sua borsa Marc Jacobs! Alla cinquecentesima volta in cui la protagonista indossava la borsa e tra parentesi compariva un aggettivo per descrivere quanto fosse favolosa mi sono cadute le braccia.
Un romanzo che immaginavo spiritoso, divertente e arguto che si è rivelato davvero scontato. Angela è una ragazza insicura e frivola che pensa che la crescita personale sia sostanzialmente un cambio di trucco e pettinatura. Di positivo non posso nemmeno dire che sia un libro divertente e simpatico, perché non è riuscito a strapparmi nemmeno un sorriso.
Per carità non mi aspettavo un capolavoro, ma nemmeno questa banalità.

VALUTAZIONE FINALE: 2 FATINE  E MEZZO!
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic E MEZZO!
Buona lettura
Anita

4 commenti:

Francy NeverSayBook ha detto...

Quel pezzo è terrificante O.o Impegnata davvero tanto devo dire XD Certamente un libro da leggere (una risata sarcastica ci sta anche qui) :P

Anita Blake ha detto...

Sfortunatamente non è l'unico...che tristezza!

CHIARA ROPOLO ha detto...

ti capisco. Io l'ho iniziato e arrivata a metà ho desistito e l'ho mollato. Non migliorava e non ce la facevo più a sopportare la protagonista. Dalla tua recensione ho fatto bene

Anita Blake ha detto...

Grazie Chiara- E'stata veramente dura sopportarla...Le capitavano solo cose stupende e si lamentava comunque!! Insopportabile!